I Sogni, gli obiettivi delle persone, son sempre collegati al modo di vivere cui si è abituati sin da piccoli. E quindi sono sempre inseriti nel contesto di mondo tale e quale a quello che è. Difficilmente questi sogni ed obiettivi sono fuori dai binari.

Funziona così perché è così che ci si immette nel mondo, si vive secondo le regole, si sogna secondo le regole, si viene influenzati. Anche le varie strade alternative sono secondo le regole, son tutti tasselli che si incastrano nel mondo che l’essere umano ha creato e plasmato nell’arco di qualche migliaio di anni.

Ma a volte non ci si sente parte del puzzle, non si vuole trovare un incastro e non si vuole plasmare e modificare la propria persona per far sì che sia "adeguata".

In quei casi però ci si sente "persi", non c’è un binario, bisogna progettare un tracciato, crearlo e solo successivamente lo si può percorrere, altrimenti è come girare a caso, il che non porta a niente. E’ bello, è il proprio tracciato, porta dove vogliamo, ma è anche estremamente complicato.
Spesso noi pensiamo di -volere assolutamente- qualcosa, ma in realtà non è quel che ci servirebbe in quel caso, tanto per citare The Dark Knight (Dark knight rises in 8 giorni w): Molte volte ciò che vogliamo è ciò che "meritiamo", ma non ciò di cui abbiamo bisogno nel momento specifico.
Tanto per esser chiaro: meritare è inteso come sì, è quel che vogliamo, ma non riusciremmo ad ottenerlo adesso, abbiam bisogno di altro. L’obiettivo rimane quello, ma spesso non ci rendiamo conto che non possiamo andare dritti verso la meta, abbiam bisogno di altro prima.

Ed è anche per questo che spesso chi decide di creare la propria strada o ottiene successo da giovane, finisce per "perdersi", generalmente tra un mare di droga e/o alcohol, ma questi son solamente i modi più casinari per perdersi, c’è chi lo fa senza far rumore. Questo perché queste persone han la possibilità di scegliere la propria strada, che però non è ancora percorribile, quale che sia il motivo. Dopotutto non puoi scalare l’everest se non hai la necessaria preparazione 🙂

Tornando al primo simil-pensiero, per quanto siamo diversi, siam tutti sapientemente incastrati in un mondo in cui c’è posto per tutti, possibilità per tutti, purché si rimanga su binari posti da altri, noi decidiamo quello che preferiamo tra le nostre possibilità, e chi non lo fa o può saltare parte del percorso, molto spesso finisce male, mentre chi sta tranquillo e segue il proprio binario riesce a vivere un’esistenza più o meno tranquilla.

Non si è mai realmente fuori dal meccanismo, in ogni caso, perché si è comunque dipendenti da esso e da ciò che offre, a meno che non ci si voglia ritirare in tibet a meditare, per cui.. quanto realmente vale la propria persona intatta e quanto l’adeguarsi a tutti e il non pensare, ma semplicemente fare?

Chissà, magari è anche possibile trovare un compromesso, who knows.

C’è anche chi cambia continuamente binario sperando di trovare il proprio, e chi piazza binari a caso facendo qualsiasi cosa.

Son cose che richiedono forza di carattere, in quanto ogni cambiamento radicale è un salto nel vuoto, senza mai sapere cosa si può trovare, però è anche probabilmente l’unico modo per trovare un binario adatto alla propria persona che non richieda compromessi o cambiamenti. Chissà se c’è per tutti 😀

Bon, bai, è ora di piazzare binari a caso, collegare binari pre-esistenti ad altri e causare incidenti, e soprattutto: Comprare trenini e binari.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.